martedì 15 dicembre 2009

mi sono trasferita a www.fiordisale.it



Me ne sono andata senza neanche salutare, senza nemmeno un tentativo di spiegare cosa mi stava stretto, cosa non andava. L'ho fatto qua, come in mille altri luoghi, reali o virtuali, cos'importa?
Potrei pure azzardare che non è nella mia natura, ma in fondo no, se l'ho fatto, e le prove ci sono, evidentemente sentivo di doverlo fare, senza che ci fosse l'esigenza di spiegare o giustificarmi con qualcuno, peccato.
Peccato si che le mie infinite insicurezze mi abbiano sempre convinto di non valere pià di quel tanto d'attenzione e che non valesse la pena lasciar detto dove trovarmi, perchè nessuno era interessato...

Ma adesso sono qua, potevo far finta di niente, ed invece sono qua
a dirvi dove mi sono trasferita (per ora stabilmente) dopo un'infinito vagabondare solitario e inquieto.
Spero che avrai voglia di scoprire chi sono stata o chi sarò diventata


ti aspetto

mercoledì 25 luglio 2007

martedì 17 luglio 2007

Elogio a'n amigo

O l'è lungo, o l'è düo,o l'è tosto,
o l'è bön se piggiöu in quello posto
s'o l'è appena-a sciörtio d'in te balle
(ma attenziön ch'ö no l'agge e farfalle).

O sta ben cön e sò due oîve
(se no sön tanto passe ma vive)
E magnificamente o s'adatta
S'o ven misso vixin ä patatta.

Ma bezêugna ûn pö mettilo a bagno
(fin-a'n föndo, ch'o segge ben stagno)
Se capisce ch'o ven fêua mollo,
specialmente in t'a zona d'o collo.

Ciò nö toglie ch'o piaxe'n pô a tutte:
zôene, vegie, ciù belle o ciù brûtte.
A spösinn-a a nö piggia mâi ingïo
quande a casa ghe o porta o maïo,

pe-a zitella böccön o l'è ghiotto
(anche mollo o ûn pö barzanotto)
e scibben ch'a mugugne pe-a spûssa,
anche a nonna sdentâ ûn pö a se-o sûssa.

Me ricordo ancön quande mâe poâe
ö metteiva in tê man a mâe moâe
ritornando da-o porto in sciö tardi:
lê a-o trattava con tûtti i riguardi.

E dixindoghe: -bello o mâe ragno!-
a-o metteiva lì, sûbito a bagno.
E ä mattinn-a che l'ea ancon scûo
A l'ammiava s'o l'ea ancon dûo,

e a ghe dïva: -ti o lasci ancön drento?-
e mâe poâe: -Mi saieiva contento,
ma n'oriâe ch'o m'andesse in maloa,
te ghe-o lascio, ma solo pe'n'oua.

E mâa seû? Me sövven comme vei,
no gh'ea verso de fäghelöu piaxei,
a no-o pôeiva manco töccâ
: -Son segûa che a mi o me fà mâ!

Finn-a quande a s'è feta o galante
(ûn portuale lè asci, carenante)
ch'o l'aveiva bello grosso e gûstoso
e o ghe l'ha regalou d'arescôso.

E chissa, forse pe-a qualitâe
differente da quella d'o poâe,
o magara pe o semplice fâeto
ch'o l'ea quello che lè o gh'aiva dâeto,

o soltanto pe fâlo contento ...
fâeto stà che da quello momento
a figgeûa a s'è decisa a assazzâlo,
continuando poi sempre a piggialo!

Anche mi da piccin me credeivo
ch'o dovesse fa mâ e no ne voeivo,
ma'na votta ch'aveivo dovüo
assazzane ûn tocchetto ho vosciûo...

Li pe li o m'ha dâeto disgusto,
poi però gh'o sentîo ûn certo gûsto
e da alôa devo dî ch'ö gradiscio...

(a pröpoxito, o l'è o STOCCHEFISCIO!)

Baxaicò


Baxaicò
di Italo Mario Angeloni
Baxaicò che o s'allevafra e parme e fra i limoin,a-o vento de terrassein sce-e prie di barcoïn,che in te na feuggia sola,comme in te 'na bandëao spampaggia o profummode Zena e da Rivëache in Australia, in te Mericheda un tondo ben condïoo te parla da patriaco-o sò gusto savoïo ...

i ravieu


Riçetta pe fa i ravieu
di Martin Piaggio
Reçipe ûn bello pezzo de vitellaDa mette a rosto per fä un bon tocchetto;Reçipe da tettinn-a, ûnn-a cervella,Laccetti, poca môula e assae de fietto;Reçipe da boraxa fresca e bella,Coccoin de pollo freschi, ûn retaggettoDe 'sässissa da amixi, e ûn pö de quellaPriscinsêua de Paiscion passä a-o siassetto.
Misce et remisce ben ciù che ti peûOmnia confusin drento in to mortâ,Et extende de pasta ûn gran lensêu,Fanne de ballettinn-e cö cuggiâ,Applica, crêuvi, taggia, son RaviêuDa chêuxe et tamquam pilloe da collâ.

O pesto


O pesto
di Edoardo Firpo
E intanto che a Cattaen a sta impastandope preparä i cornetti, o Pippo lesto,con un euggiâ in gio de quando in quando,con grande impegno o preparava o pesto.
- Oh biato profummin de baxaico!
o dixeiva passando unna gambettasott'ao naso ai amixi e poi ao socomm'o fosse unna gamba de viovetta.
- Oh biato profummin de baxaico!
ti m'aregordi l'aia ponçevinn-aSan Chigo, San Ceprian, Serarico,e a vista un po' lontann-a da marinn-a.
E o dixeiva, frattanto che i pigneuoi pestava co-e noxe in tò mortâ:- Andavimo pe pigne da figgeu,e sentivimo o vento sciù in ti pin ...
Te vegne in cheu? ... te vegne in cheu Cattaen?
Ti te metteivi e sexe pe pendin ...

Pesto
di Alfredo Gismondi
Pesto! (...)complesso insostituibileco-e troffie e co-e lasagnefummanti in quarche ostaiade cäe nostre campagne;O a casa in scë trenettes'intende, avvantaggae,con patattinn-e a fetteò bazann-e nostrae ...

lunedì 16 luglio 2007

A fugassa

Opera leiteaia in zeneise de Vito Elio Petrucci dedica a a fugassa zeneise.


A fugassa
di Vito Elio Petrucci
Mi son sentimentale finn-a in fondoe fasso l'ojo comme a papé de strassa;son innamuou de Zena, ciù do mondo,ma ho un ballin in ta testa: o l'é a fugassa.
"E' più forte di me", mi me-o confesso!
Scioa, co-o crocco e co-a sà a man bassa ...l'oexin ben vunto, o mezo bello spesso.
O mae Micché a l'é lé: Santa Fugassa.
O mà o m'incanta, o segge bollezumme,faet de moixi o ciatto pe-a bonassa;anche se a votte o sà de refrescumme(a spussa dell'erzillio), ma a fugassa!
"Il grattacielo? è bello da vedere";e De Ferrari? 'na gran bella ciassa;Suaja, Cannetto, Righi, Belvedere ...(a spussa dell'erzillio), ma a fugassa!
Me l'asseunno de neutte e poi m'adescioche perdo e bave comme 'na lumassa.
Chi ha coraggio me digghe che son nescio,mi ghe diggo de scì ... e tetto fugassa.
"E vi dirò di più, fo paragoni"con l'amigo do tacco ch'o strombassa,quello ch'o fa le pizza e i cannelloni.
Duxento pizze no fan 'na fugassa.
E se diggo fugassa e diggo tutte,no fasso distinsion tra magra e grassa,co-o formaggio, co-a çioula: Bocche mutte!
Pe mì và tutto ben, s'a l'é fugassa.
Dommo a Milan, Venezia con San Marco,Lanterna a Zena, Savonn-a a Campanassa,San Remmo o zeugo, a Spezza l'Arsenàe mi in scio stemma veuggio 'na fugassa.
Mi son sentimentale, me commeuvos'à l'é co-a çioula, e brindo con vinassasa l'ha o formaggio, e me ghe perdo appreuvo ...all'amiga, a compagna, a tì: fugassa

sabato 14 luglio 2007

a zonzo per Camogli



mercoledì 11 luglio 2007

Beata ignoranza!









domenica 8 luglio 2007

indice

sedanini alla rucola

polenta

e adesso parliamo di erbe!

insalatona

la torta pasqualina

Ed eccola qua!

ritornando a casa

un pizzico di sale





















sale

















































































































































































Parliamo di spezie

parliamo di spezie

lunedì 12 marzo 2007

il chilometrico meme dalle mille domande

Una vita di musica, il chilometrico meme dalle mille domande sulle sette note che mi è arrivato e volentieri condivido,
come noterete in taluni casi sono stata "costretta" a risposte multiple, non potevo davvero farne a meno, ma se proprio ci tenete a fà i pignoli assolutisti, prendete x buona la prima voce.
è un bellissimo test che impone una lunga e piacevole pausa, cullandosi tra la musica della propria vita, ve lo consiglio.




Il primo "disco" acquistato?
Non al denaro, non al cielo ... - F. De André


L'ultimo disco ascoltato?
Michael Bublé - CALL ME IRRESPONSIBLE

La tua copertina preferita?
Beatles - Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band

La miglior colonna sonora?
Il Laureato (Simon & Garfunkel)

La miglior canzone all'interno di una colonna sonora?
Brian Eno - By this river


Il peggior cantante di tutti i tempi?
Den Harrow

La peggior cantante di tutti i tempi?
Viola Valentino

Il peggior gruppo di tutti i tempi?
righeira

Il miglior cantante di sempre?
Frank Sinatra

La miglior cantante di sempre?
Mia Martini
Mina
Withney Houston

Il miglior cantautore di sempre?
Fabrizio de André
Ivano Fossati
Franco Battiato


Il miglior musicista italiano d'avanguardia di sempre?
Lucio Battisti


Miglior gruppo di sempre?
Red Hot Chilli Peppers
Pink floyd
Genesis

La canzone che vorresti fosse stata scritta per te?
Jovanotti - Una Storia D'amore

La canzone che vorresti aver scritto per qualcuno?
Franco Battiato - La cura


La canzone che ti fa venire in mente un bel momento?
La Oreja de Van Gogh - Tú y Yo


La canzone che riassume il tuo modo di essere?
Bertoli - a muso duro


La canzone con cui vorresti addormentarti?
Radiodervish - La falena e la candela


La canzone che vorresti per un tramonto?
Elton John - Sorry Seems To Be The Hardest Word


La canzone che vorresti al tuo risveglio?
Ludovico Einaudi - Una mattina


La canzone più brutta di tutti i tempi?
Mamma Maria-Ricchi e Poveri


La canzone che non vorresti sentire mai più?
Gelato al cioccolato - Pupo


La canzone che ti mette ottimismo?
Gipsy Kings - Chan Chan


La canzone che vorresti al tuo matrimonio?
bellaciao


La canzone che ti fa fermare?
elisa/Ligabue - Gli Ostacoli nel cuore


La canzone che ti fa ripartire?
Red Hot Chili Peppers - Snow (Hey Oh)


La canzone del pugno allo stomaco?
Ligabue - L'amore Conta


La canzone che vorresti al tuo funerale?
[Non avrò funerale]


La canzone che descrive un momento della tua vita?
Claudio Baglioni - Mille giorni di te e di me


La canzone che più ti piace nella collezione dei tuoi genitori?
A. Celentano - Chi era lui


La canzone che piace ai tuoi genitori nella tua collezione?
Tutte quelle di Mina e Battisti


La canzone che ti fa venire in mente un (una) "ex" amante?
Antonello Venditti - Alta Marea


La canzone che non conosceresti se non fosse per un amico?
Tutte quelle dei Radiodervish


La canzone che ti fa pensare al sesso?
Ligabue - Certe notti
Sting - Fragilidad


La canzone che ti fa pensare alla solitudine?
Il pensionato - Guccini


La canzone più triste?
Franco Battiato - Povera Patria

La canzone di cui non potresti fare senza?
Buena Vista Social Club Feat. Coldplay - Cloks


La canzone per quando sei incazzato?
ROSANA - Pa' ti no estoy

La canzone con il miglior inizio?
Pink Floyd - Another Brick in the Wall, Pt. 2 (ricordate l'elicottero?)


La canzone con il miglior finale?
Una storia d'amore-A.Celenatno


La canzone da ascoltare con gli amici?
Battisti - la canzone del sole


La canzone da cantare sotto la doccia?
Biagio Antonacci - Sappi amore mio


La canzone che ti fa venir voglia di ballare?
Ricky Martin - cup of life


La canzone col testo più originale?
il salame-Lucio Battisti

La canzone che è un'ottima cover?
città vuota - cantata da Fiorello

la canzone SU cui fare l'amore?
Bolero di ravel
Bonnie Tyler - Total Eclipse Of The Heart

La canzone più nostalgica?
Lucio Battisti - Prendila così

La canzone col titolo più bello?
What a wonderfull world-L.Armstrong

La canzone da sapere a memoria?
Alla fiera dell'est-Branduardi


La canzone su un vero amore?
Al Stewart - Year of the Cat


La canzone che ti è stata dedicata?
A fuego lento - Rosana


La canzone per riflettere?
Signor Tenente-Giorgio Faletti


La canzone più rilassante?
Craig David -You Don't Miss Your Water

La canzone della disperazione?
Giorgia - Gocce di Memoria


La canzone che ascolteresti mentre sei nello spazio e si sgancia il cordone che ti lega alla navicella?
finardi - extraterrestre


La canzone che odiavi ma adesso ami?
Ancora tu-Lucio Battisti


La canzone che più ti estranea dalla realtà?
Wim Mertens - Struggle for e
tutta-tutta-tutta la produzione di Keith Jarrett


La canzone da ascoltare mentre guidi?
Bruce Springsteen-Born In The U.S.A.


La canzone che ti fa più paura?
guccini - canzone di notte

Il miglior duetto?
Mina-Celentano in acqua e sale

La canzone da dedicare a chi non la pensa come te musicalmente?
We are the Champions-Freddy Mercury

La canzone da portare per un lungo viaggio?
Doors - Light My Fire


Passo il testimone chi gli va, buon divertimento!

martedì 6 giugno 2006

Il cavolfiore nella nebbia

"... ma chi l'ha detto che e' proibito essere tristi? In realta', molte volte, non c'e' nulla di piu' sensato che essere tristi; quotidianamente succedono cose, agli altri o a noi, per cui non c'e' rimedio, o per meglio dire, per cui c'e' quell'unico e antico rimedio di sentirsi tristi।Non lasciare che ti prescrivano allegria, come chi ordina un ciclo di antibiotici o dei cucchiai di acqua di mare a stomaco vuoto। Se lasci che trattino la tua tristezza come una perversione o, nel migliore dei casi, come una malattia, sei perduta; oltre ad essere triste ti sentirai in colpa। E non hai colpa di essere triste. Non e' normale sentire dolore quando ti tagli? Non ti brucia la pelle dopo una frustata? ... Vivi la tua tristezza, palpala, sfogliala nei tuoi occhi, bagnala di lacrime, avvolgila nelle grida o nel silenzio, copiala nei quaderni, segnala sul tuo corpo, fissala nei pori della tua pelle. Infatti, solo se non ti difendi fuggira', a momenti, in un altro posto che non e' il centro del tuo dolore intimo.E per degustare la tua tristezza devo consigliarti anche un piatto malinconico: cavolfiore nella nebbia. Si tratta di cuocere quel fiore bianco e triste e consistente, col vapore acqueo. Lentamente, con lo stesso odore dell'alito che emana la bocca nei lamenti, si cuoce fino ad intenerirsi. E, avvolto nella nebbia, nel suo vapore fumante, aggiungigli olio di oliva e aglio e un po' di pepe, e salalo con lacrime che siano tue. E assaporalo lentamente, mordendolo con la forchetta, e piangi di piu' e piangi ancora, che alla fine quel fiore andra' succhiando la tua malinconia senza lasciarti asciutta, senza lasciarti tranquilla, senza rubarti l'unica cosa tua in quel momento, l'unica che nessuno potra' ormai toglierti, la tua tristezza, ma con la sensazione di aver condiviso con quel fiore immarcescibile, con quel fiore assurdo, preistorico, con quel fiore che i fidanzati non chiedono mai dai fiorai, con quel fiore del cavolo che nessuno mette nei vasi, con quell'anomalia, con quella tristezza fiorita, la tua tristezza di cavolfiore, di pianta triste e malinconica".
Hector Abad Faciolince - Trattato di culinaria per donne tristi, edito da Sellerio nel '97

sabato 18 giugno 2005

Sacripantina




La Sacripantina è un dolce tipico genovese curiosità: nacque dalla fantasia della ditta Preti di Genova questo dolce, di non antichissima, ma radicata, tradizione. Il nome curioso, privo di una origine precisa, riporta alla memoria il personaggio ariostesco di Sacripante che ama, senza esserne ricambiato, la bella Angelica. Per antonomasia indica un uomo di robusta corporatura e dal carattere smargiasso e proprio così si chiama una golosa e sostanziosa torta, la sacripantina, che viene prodotta un po' in tutto il genovesato. Sbrigliando la fantasia si può pensare all'ignoto ideatore come a un appassionato di buone letture che, colpito dal Sacripante dell'Orlando Innamorato, abbia voluto battezzare con un più amabile diminutivo la sua creatura. Ma non trascuriamo neppure la via della seduzione: il dolce è intrigante e sensuale, il nome civettuolo. L' omaggio di un impenitente dongiovanni alla golosità femminile ?caratteristiche: Torta dolce dalla caratteristica forma a cupola che nasconde strati di pandispagna imbevuti di liquore, caffè, cacao e crema di burro. ricetta: ingredienti: per il pandispagna: 6 rossi d'uovo (facoltativi), g 150 di zucchero, g 250 di burro, g 150 di cioccolata fondente oppure g 50 di cacao amaro, marsala secco, maraschino, brandy, g 200 di zucchero a velo, g 200 di amaretti o di biscotti secchi, una tazza di caffè, g 150 di canditi (facoltativo). Preparazione: tagliare il pandispagna in modo da ottenere 6 dischi uguali. Togliere dal bordo parte della crosta che andrà sbriciolata, meglio se pestata, insieme agli amaretti o ai biscotti. A bagnomaria amalgamare i rossi d'uovo, lo zucchero e il marsala sino a creare uno zabaione. Lasciare raffreddare. Nel frattempo lavorare con un cucchiaio di legno il burro insieme allo zucchero a velo fattovi cadere da un colino, in modo da ottenere un composto cremoso da unire alla zabaione. Dividere la crema in 2 parti: in una versare il caffè, nell'altra la cioccolata fondente ridotta in scaglie o il cacao e i canditi. Rivestire uno stampo con la pellicola trasparente e disporvi un disco di pandispagna inzuppato di Maraschino e allungato con acqua tiepida; versarvi sopra la crema al caffè in modo da lasciarla più alta al centro rispetto ai lati. Coprire con il secondo disco, bagnare con il maraschino e spalmare la crema con le scaglie di cioccolato; disporla sempre più al centro in modo da farle assumere un aspetto a cupola. Alternare gli strati di pandispagna, sempre bagnato di liquore, con crema al caffè o cacao. Porre l'ultimo disco irrorato di brandy, spalmare con la crema rimasta e cospargere di granelli prodotti con la crosta e i biscotti sbriciolati aiutandosi con un setaccio; infine ancora zucchero a velo. Conservare in frigo fino al momento di servire.

lunedì 6 giugno 2005

Trattato di culinaria per donne (semi)tristi


Se un giorno ti ammalerai di parole, come a tutti noi succede, e sarai stanca di sentirle, di dirle. Se qualsiasi parola sceglierai ti sembrerà sprecata, senza luce, sminuita. Se avrai la nausea quando senti "orribile" "fantastico" per qualsiasi fatto, non ti curerai, ovviamente, con una zuppa di lettere. Farai quanto segue: cuocerai al dente un piatto di spaghetti che condirai con il sugo più semplice: aglio, olio e peperoncino. Sulla pasta già rimescolata con l’intingolo suddetto, grattugerai uno strato di parmigiano*. Al lato destro del piatto fondo colmo di spaghetti conditi come ho detto, metterai un libro aperto. Al lato sinistro, metterai un libro aperto. Di fronte, un bicchiere pieno di vino rosso secco. Qualsiasi altra compagnia non è consigliabile. Sfoglierai a caso, le pagine dell’uno e dell’altro libro, ma entrambi devono essere di poesia. Solo i buoni poeti ci curano dalla saturazione di parole. Solo il cibo semplice ed essenziale ci cura dai peccati di gola.
[Héctor Abad Faciolince] Trattato di culinaria per donne tristi Sellerio 1997 * Licenza poetica culinaria

giovedì 26 maggio 2005

tra il serio e il faceto ....

Da oggi ci sono anch'io, non so bene se sarò all'altezza degli ambiziosi obiettivi che mi sono ripromessa, ma spero di non far sfigurare le mie muse, i miei maestri ... insomma tutte le ragazze e i ragazzi blogger che in questi anni hanno fatto rinascere in me il desiderio di riaprire il libro di htlm (dopo ben 8 anni!)... oltre, ovviamente a rimettere finalmente ordine nei miei appunti di ricette sparsi per casa.
grazie a tutti gli altri blogger!
voglio che sappiate che vi amo un sacchissimo e vi ringrazio per gli spunti ... ma soprattutto per avermi fatto tornare il desiderio di tornare ai fornelli.